Venezia e le bolle

Una mattina mi sveglio, non ho niente da fare, non ci sono i bambini e allora vado a Venezia a cecare le bolle.

Immagine surrealista a colori di Venezia dove bolle di sapone girano per la città fotografate dai turisti

Le bolle come le Giraffe sono un elemento ricorrente della mia produzione onirica, le vedo con facilità prima ancora di pensare lo scatto, possono essere ovunque.

Comunque, mi sveglio presto faccio uno zaino fotografico e vado in stazione a cercare un treno che da Milano mi porti in stazione.

A spasso con Samsung

Per questa missione scelgo di portare con me il sistema Samsung, la NX1 con le ottiche di progettazione Schneider, un piccolo gioiello che ci ha regalato Samsung prima di decidere di abbandonare il mondo della fotografia.

La NX1 ha una resa del colore bellissima le foto sono tridimensionali ma al contempo il file è duttile in post produzione, moltissime delle immagini surrealiste che ho realizzato partono da scatti fatti con quella macchina.

Immagine surrealista a colori di Venezia dove bolle di sapone girano per la città fotografate dai turisti
Immagine surrealista a colori di Venezia dove bolle di sapone girano per la città fotografate dai turisti

Venezia è la città più bella del mondo, ma questa volta invece che affrontarla come ho sempre fatto, ovvero in bianco e nero grave, magari di notte in pellicola, voglio provare a fare qualcosa di pop e colorato, di surreale e non nostalgico.

Tutti i creativi del mondo amano Venezia

La città è come sempre invasa di turisti che fotografano tutto quello che vedono, cerco così di immaginare che stiano fotografando le mie bolle.

E’ una cosa che faccio spesso, cercare di creare interazioni credibili tra le persone vere che incontro per strada e gli elementi che inserirò dopo.

Non si tratta solo di aggiungere ombre e riflessi ma proprio di immaginare cosa farebbero le persone se vedesse quello che vedo io.

Dopo vent’anni di fotografia girare un’intera giornata zaino in spalla con un’idea in testa a fare foto è ancora una cosa che mi rende immensamente felice.

Non mi sono mai fermato, neanche per un caffè.

Quando è arrivata la sera ho trovato un bacaro e riguardando gli scatti ho preso degli appunti per la post produzione.

Author: Jack

papà, pubblicitario, fotografo, karateka.

One thought

Rispondi