Buonanotte Myanmar

Buonanotte Myanmar. Yangon mercato del pesce 3 del mattino
Yangon, 3 del mattino, durante il mercato del pesce un “battitore” gestisce le offerte dei compratori in piedi sulla sua bancarella.

E’ difficile dare la buonanotte al Myanmar.

Quando sei in un paese dove notte e giorno si confondono, i mercati notturni non chiudono mai, e ad ogni ora puoi mangiare una ciotola di noodles seduto in mezzo alla strada.

Nella notte puoi trovare bancarelle barbecue, tatuatori, monaci, bambini, gente che dorme nel retro di un tuk-tuk e taxi sempre e ovunque che cercano di portarti da qualche parte.

Buonanotte Myanmar. Old Bagnan, un tatuatore e suo figlio .
Old Bagan, un tatuatore e suo figlio.
Yangon, a tarda notte un uomo mangia da solo nella notte seduto ad un tavolo ad un angolo della strada.
Yangon, a un uomo mangia da solo nella notte seduto ad un tavolo ad un angolo della strada.
Yangon per tutta la notte i furgoni passano tra i vicoli, trasportando merci e persone per i mercati.
Yangon per tutta la notte i furgoni passano tra i vicoli, trasportando merci e persone per i mercati.

Notti scure ma non pericolose

Sono notti sicure, dove se non sei tu a rompere le palle a nessuno, nessuno le romperà a te.

Di notte si sente di più la povertà, specialmente a Yangon o Mandalay, dove il fango, i cani randagi e i topi risaltano nel buio, ma senza mai il senso di disperazione che si avverte in alcuni posti come le grandi città dell’India.

Le bancarelle delle persone sono per loro una casa, ci mangiano, dormono, guardano la tv sui telefoni.
Per i venditori di strada le bancarelle sono una sorta di casa, ci dormono, mangiano in gruppi anche numerosi o stanno sdraiati a guardare programmi sul cellulare.
Buonanotte myanmar. Bagan, in un villaggio un ragazzo griglia orecchie di maiale alla brace e pannocchie.
Bagan, in un villaggio un ragazzo griglia orecchie di maiale alla brace e pannocchie.
Yangon, a tarda notte un uomo è seduto davanti al suo negozio tutto far
Yangon, a tarda notte un uomo è seduto davanti al suo negozio tutto fare.

Ho vagato per le strade, messo alla prova il mio stomaco mangiando interiora arrosto alle 3 del mattino, visitato i confusi mercati del pesce e della carne, dove le persone erano sorprese da vedermi girare, ma mai infastidite.

Non mi piaceva dare la buonanotte al Myanmar, così spesso ho preferito dormire di giorno e camminare tutta la notte, bevendo tè con vecchi senza denti o Redbull con i monaci all’alba.

Mandalay, un guardiano notturno e il suo cane.
Mandalay, un guardiano notturno e il suo cane.

Author: Jack

papà, pubblicitario, fotografo, karateka.

Rispondi